Brevi spunti su concordato in continuità, aumento di capitale da parte del terzo ed esclusione del diritto d'opzione - Studio Bogoni - Consulenza fiscale e societaria
17400
post-template-default,single,single-post,postid-17400,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-13.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Brevi spunti su concordato in continuità, aumento di capitale da parte del terzo ed esclusione del diritto d’opzione

in ilFallimentarista – Focus del 4 dicembre 2019

di Renato Bogoni ed Emanuele Artuso

 

Nel “Focus” de ilFallimentarista del 4 dicembre 2019, i dottori Renato Bogoni ed Emanuele Artuso analizzano la seguente fattispecie, ossia se nei concordati preventivi in continuità, che prevedono l’ingresso di un nuovo socio mediante aumento di capitale, risulti applicabile la normativa relativa

alle offerte concorrenti (in specie, la procedura competitiva prevista dall’art. 163-bis L.F.).

A tal fine, lo scritto si sofferma sui principali contributi della giurisprudenza e della dottrina, richiamandoli approfonditamente, per l’effetto addivenendo ad escludere l’obbligatorietà dei meccanismi d’asta nel caso in esame.