Tra motivazione per relationem dell’atto e requisito di inerenza (commento a Comm. Trib. Reg. Venezia, sez. III, 29 febbraio 2018, n. 272/3/2018) - Studio Bogoni - Consulenza fiscale e societaria
17288
post-template-default,single,single-post,postid-17288,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-13.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Tra motivazione per relationem dell’atto e requisito di inerenza (commento a Comm. Trib. Reg. Venezia, sez. III, 29 febbraio 2018, n. 272/3/2018)

di Emanuele Artuso

Pubblicato in RGEA – Rivista di Giurisprudenza ed Economia d’Azienda, fascicolo n. 1/2019, pagg. 98 e ss.

 

Il dottor Emanuele Artuso commenta una recente sentenza della Comm. Trib. Reg. Venezia, soffermandosi inter alia sulla motivazione che l’avviso di accertamento deve necessariamente recare e sul requisito di inerenza, anche alla luce dell’evoluzione giurisprudenziale.