Brevi spunti sulla risposta ad interpello dell’Agenzia delle Entrate, n. 201/2022 - Studio Bogoni - Consulenza fiscale e societaria
19753
post-template-default,single,single-post,postid-19753,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-13.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Brevi spunti sulla risposta ad interpello dell’Agenzia delle Entrate, n. 201/2022

I dottori Renato Bogoni ed Emanuele Artuso presentano alcune sintetiche riflessioni, a margine della recente risposta ad interpello dell’Agenzia delle Entrate n. 201/2022.

Tale pronuncia ha ad oggetto la tassazione (o meno) delle sopravvenienze attive che, per effetto dello stralcio dei debiti di cui alla proposta concordataria (con cessio bonorum), si manifestano all’omologazione del concordato stesso.

In particolare, gli Autori offrono alcuni spunti interpretativi facendo leva anche sui necessari elementi di raccordo della materia concorsuale con quella tributaria: su tutti, l’assoggettamento ad imposizione di una fattispecie solo laddove sia ossequiato il principio costituzionale della capacità contributiva.

 

https://www.dirittodellacrisi.it/blog/sopravvenienze-attive-nel-concordato-preventivo-lagenzia-delle-entrate-assume-una-interpretazione-criticabile?foto=6