Criticità fiscali nel concordato preventivo, anche alla luce della recente circolare Agenzia Entrate n. 16/2018 - Studio Bogoni - Consulenza fiscale e societaria
16690
post-template-default,single,single-post,postid-16690,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-13.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Criticità fiscali nel concordato preventivo, anche alla luce della recente circolare Agenzia Entrate n. 16/2018

Criticità fiscali nel concordato preventivo, anche alla luce della recente circolare Agenzia Entrate n. 16/2018

di Renato Bogoni ed Emanuele Artuso – Commissione di studio “Fiscalità domestica” ODCEC Padova

Pubblicato ne Il Sole 24 Ore – Diritto 24 Online – 7 novembre 2018

 

http://www.diritto24.ilsole24ore.com/art/dirittoCivile/2018-11-07/criticita-fiscali-concordato-preventivo-anche-luce-recente-circolare-agenzia-entrate-n-162018-152659.php

 

La disciplina prevista dall’art. 182-ter Legge Fallimentare, significativamente modificata dalla Legge di Stabilità 2017, è stata di recente oggetto di interpretazione anche da parte dell’Amministrazione finanziaria, mediante la Circolare 23 luglio 2018, n. 16.

Tuttavia, pur a fronte dei preziosi chiarimenti forniti in tale documento di prassi, l’attuazione concreta dell’istituto evidenzia tutt’oggi talune aree critiche. Del pari, non paiono ancora sufficientemente univoci gli orientamenti giurisprudenziali su alcuni temi specifici riguardanti la fiscalità della crisi d’impresa.

Si procede quindi ad una sintetica rassegna di alcuni spunti problematici emersi in sede professionale.