Le conseguenze, ai fini delle imposte dirette, della vendita di beni da collezione di Emanuele Artuso ed Inge Bisinella - Studio Bogoni - Consulenza fiscale e societaria
19091
post-template-default,single,single-post,postid-19091,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-13.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Le conseguenze, ai fini delle imposte dirette, della vendita di beni da collezione di Emanuele Artuso ed Inge Bisinella

Pubblicato in Diritto e Pratica Tributaria – n. 3/2021 – Parte Seconda, pagg. 1351 e ss.

 

Nel numero 3/2021 di Diritto e Pratica Tributaria, i dottori Emanuele Artuso ed Inge Bisinella commentano la significativa sentenza della Comm. Trib. Prov. Brescia, sez. II, 2 luglio 2020, n. 261.

Infatti, tale pronuncia permette di sviluppare alcune riflessioni su un tema di estrema attualità sul versante accertativo, ossia se, e a quali condizioni, dalla vendita di oggetti d’arte, da collezione, ecc. derivino conseguenze sul piano delle imposte dirette.

In specie, la sentenza indaga i caratteri della “occasionalità” e della “commercialità”, escludendo che nel caso di specie ricorresse una fattispecie impositiva.